• Thursday December 5,2019

Heads up: commozioni cerebrali

Cosa devi sapere su bambini e commozioni cerebrali

Avvolgi il tuo cervello attorno a questo: tuo figlio potrebbe sostenere una commozione cerebrale senza che tu te ne accorga mai. "Nella maggior parte delle commozioni cerebrali - quattro su cinque - la persona non viene eliminata", spiega Karen Johnston, neurochirurgo e direttore del programma di commozione cerebrale presso il McGill University Sports Medicine Center di Montreal. Importante sapere perché trascurare una commozione cerebrale può ritardare il recupero e aumentare le probabilità di subire una seconda lesione.

Quindi la prossima volta che tuo figlio si scontra con un altro giocatore sulla pista, o il tuo bambino cade dai gradini del portico, come puoi sapere se potrebbe avere una commozione cerebrale? Vieni a pensarci, che cos'è una commozione cerebrale, comunque? Ecco cosa dovrebbe sapere ogni genitore:

D: Cos'è una commozione cerebrale?

A: Una commozione cerebrale è una lesione che compromette la capacità del cervello di elaborare e conservare le informazioni. Non comporta sanguinamento o accumulo di liquidi nel cervello, quindi la maggior parte delle commozioni cerebrali non si presentano sulla maggior parte dei raggi X o delle scansioni CAT. Le commozioni cerebrali possono essere semplici o complesse, con circa il 90 percento nella prima categoria, il che significa che il cervello è tornato alla normalità entro sette-dieci giorni.

D: Cosa causa una commozione cerebrale?

A: Un forte colpo alla noggin o anche un colpo indiretto, come uno al collo, al viso o al corpo che improvvisamente stona la testa e rimbalza il cervello contro il cranio. "Il processo di lesioni alla base della commozione cerebrale non è del tutto noto", afferma la pediatra Laura Purcell, presidente del gruppo sportivo e sportivo della Canadian Pediatric Society. Ciò che è chiaro, tuttavia, è che "una commozione cerebrale influenza il modo in cui il cervello pensa e elabora le informazioni".

Secondo Johnston, dovresti essere in allerta ogni volta che assisti o senti parlare di un colpo che sembra o sembra spaventoso. Chiedi a tuo figlio di interrompere subito quello che sta facendo. (Avvertenza: se un bambino perde conoscenza o soffre di convulsioni, chiama il 911.)
D: Cosa devo cercare?

A: "Il bambino può apparire un po 'stordito o con gli occhi vitrei e sembrare inconsapevole di ciò che sta accadendo", osserva Purcell. Altri indizi includono discorsi confusi, vomito e scarso equilibrio o coordinazione.

Tuttavia, non tutti i bambini con una commozione cerebrale mostrano questi segni e, se lo fa, i segnali possono essere sottili. Un bambino può essere riluttante a dirti che si sente fuori per paura di essere tirato fuori dal gioco - o potrebbe credere di essere OK per giocare perché il giudizio di nebbia di commozione cerebrale. Quindi chiedi di sintomi specifici, come mal di testa, vertigini, nausea o mal di stomaco, visione offuscata, ronzio nelle orecchie e sensazione di stordimento, sbalordimento o sonno. E ricorda, a volte i sintomi non si manifestano per 24 a 48 ore - quindi tuo figlio dovrebbe prendersela comoda per un giorno o due dopo un duro colpo alla testa, anche se sembra OK.

D: Esiste un test che i genitori possono eseguire?

A: Poni alcune semplici domande per determinare se tuo figlio sta vivendo una perdita di memoria. Ad esempio, se il colpo si verifica durante una partita di hockey, potresti chiederle qualcosa che è accaduto alcuni minuti o ore prima della scossa, come come è arrivata nell'arena o cosa ha mangiato a colazione. Dimenticare tali fatti è un segnale più forte di commozione cerebrale rispetto a quando lei disegna un vuoto su ciò che è accaduto immediatamente prima o dopo aver colpito la testa.

Un questionario chiamato SCAT (Sidelines Concussion Assessment Tool) può aiutare: gli atleti segnano i loro sintomi su una scala da zero a sei. Scarica una copia da thinkfirst.ca. Puoi anche fare copie extra per l'allenatore di tuo figlio.

Q: Penso che mio figlio possa avere una commozione cerebrale. E adesso?

A: Il tuo bambino dovrebbe consultare un medico il più presto possibile.

D: Cosa cercherà il medico?

A: Prima vorrà escludere una ferita alla testa più grave - per esempio una frattura del cranio o un accumulo di sangue tra il cervello e il cranio. Ciò significa cercare indizi, come debolezza, perdita di sensibilità su un lato del corpo o movimenti degli occhi disuguali. Se l'esame rivela qualcosa di sospetto, di solito ordinerà una scansione CAT.

Il medico prenderà anche un'anamnesi accurata: come è avvenuta la lesione e i sintomi che sta vivendo il bambino. Alcuni semplici test (ad esempio, nominando i mesi dell'anno in ordine inverso o raccontando i dettagli di un evento significativo come una festa di compleanno recente) aiutano il medico a valutare l'impatto della commozione cerebrale sulle operazioni quotidiane del cervello e quindi determinare se la commozione cerebrale è grave.

D: Se il medico diagnostica una commozione cerebrale, devo svegliare mio figlio ogni due ore?

A: No, questa tradizione si sta estinguendo. “I medici non consigliano più di svegliare il paziente ogni due ore. Ciò di cui hanno bisogno è dormire ", afferma Johnston. "Dovrebbero essere controllati durante la notte, tuttavia, per la respirazione insolita (più breve o più veloce), il vomito o il lamento." Al giorno d'oggi, molti medici terranno un bambino sotto osservazione in ospedale per diverse ore se c'è anche una minima possibilità che possano sorgere problemi.

Tuttavia, i genitori dovrebbero prestare attenzione ai segni di pericolo come qualsiasi peggioramento di sintomi come mal di testa, nausea o confusione. "Spesso raccomandiamo di far dormire i bambini e di controllarli di tanto in tanto nel cuore della notte", osserva Purcell. "Se c'è qualche preoccupazione su come stanno respirando o se stanno facendo rumori nel sonno, allora prova a svegliarli."
D: Come viene trattata una commozione cerebrale?

A: Una sola parola: riposo. Lo sforzo fisico - e persino mentale - può attirare il recupero. "Un bambino avrà probabilmente bisogno di un paio di giorni di pausa dalla scuola fino a quando le cose non si saranno sistemate", afferma Johnston. Anche i videogiochi, il lavoro al computer, gli alloggi difficili, lo sport e altri esercizi sono temporaneamente fuori dal tavolo. Il medico di tuo figlio traccerà un ritorno graduale alle normali attività, iniziando 24 ore dopo la scomparsa dei sintomi: ad esempio, fare una passeggiata o giocare a nascondino il primo giorno, seguito da calciare una palla intorno al cortile 24 ore dopo e così via. "Se in qualsiasi momento hai un ritorno dei sintomi, devi tornare a zero" per evitare problemi a lungo termine, afferma Francois Belanger, direttore medico di Emergency presso l'Ospedale pediatrico Alberta.

"I sintomi persistenti possono avere un impatto enorme: un bambino che non può tornare a scuola per il resto del semestre può finire per perdere l'anno", osserva Johnston. “Non corriamo rischi con i bambini. In caso di dubbio, siediti .

D: Quali sono le possibilità di più commozioni cerebrali?

A: Una commozione cerebrale rallenta i tuoi riflessi, aumentando così la probabilità di un'altra lesione e tornare a giocare troppo presto prolunga i sintomi. Inoltre, se il bambino non si è completamente ripreso, un secondo colpo infligge più di un doppio colpo: una forza minore è necessaria per provocare il riarmo e, in alcuni casi, può provocare un danno permanente.

Se sembra che tuo figlio sia soggetto a commozioni cerebrali, potresti voler consultare un medico di medicina dello sport o un neurologo con esperienza nel settore.

Dopo tutto, è meglio perdere qualche partita piuttosto che restare fuori stagione!
Il modo in cui i medici pensano alla commozione cerebrale è cambiato in modo significativo dal 2001, quando esperti di tutto il mondo hanno riunito la testa al primo Simposio internazionale sulla commozione cerebrale nello sport. Ecco come:

Poi
Se i sintomi non si manifestano immediatamente, i medici ritengono che i bambini siano in chiaro.

Adesso
I medici riconoscono che i sintomi potrebbero non comparire fino a 12-48 ore dopo una lesione.

Poi
Si pensava che la perdita di coscienza significasse che la commozione cerebrale era grave.

Adesso
La maggior parte delle commozioni cerebrali non comportano alcuna perdita di coscienza.

Poi
Le commozioni cerebrali sono state classificate da una a tre, in base alla gravità dei sintomi.

Adesso
Le commozioni cerebrali sono classificate come semplici o complesse in base al tempo impiegato per la risoluzione dei sintomi (classificato dopo il fatto).

Poi
I bambini i cui sintomi sono stati risolti entro 15 minuti (prima elementare) sono stati autorizzati a riprendere immediatamente il gioco.

Adesso
Gli esperti raccomandano a TUTTI i bambini con sospetta commozione cerebrale di consultare immediatamente un medico.

Poi
I medici hanno posto domande di orientamento ( che giorno è? O dove sei? ) Per diagnosticare la commozione cerebrale.

Adesso
C'è più enfasi sulle domande di sequenza. ( Che periodo è? O Lavorando a ritroso, dai un nome ai mesi dell'anno .)


Articoli Interessanti

Scusate ragazzi, non sarò mai QUELLA mamma

Scusate ragazzi, non sarò mai QUELLA mamma

La mamma di Pinterest. La mamma PTA. La mamma che lascia gli appunti nella scatola del pranzo e compra sempre prodotti biologici. Scusate ragazzi, non sono solo io. Foto: iStockphoto Dopo 11 anni di genitorialità, mi sono rassegnato al fatto che ci sono alcuni tipi di mamme che non sarò mai. Per quanto mi possa piacere essere quella mamma, non ce l'ho.

Prodigi infantili: 8 sensazioni su YouTube

Prodigi infantili: 8 sensazioni su YouTube

Ecco alcuni dei nostri bambini preferiti che si muovono su YouTube proprio ora. I bambini hanno talento Qui ti presentiamo otto giovani che non sono solo le mele degli occhi dei loro genitori, ma stanno anche battendo i record del mondo, firmando accordi discografici e guadagnando milioni di fan su YouTube

10 verità sulla genitorialità di un bambino con bisogni speciali

10 verità sulla genitorialità di un bambino con bisogni speciali

Notti insonni, polizze assicurative, riprogrammazione: ecco 10 verità su genitori con bisogni speciali. Syona di quattro anni con suo padre. Foto: Anchel Krishna Quando a mia figlia Syona fu diagnosticata una paralisi cerebrale tre anni fa, io e mio marito Dilip sapevamo che dovevamo ridefinire la nostra visione del futuro.

Sonno del bambino da due a tre mesi e programma di alimentazione

Sonno del bambino da due a tre mesi e programma di alimentazione

Ecco cosa aspettarsi per il programma del sonno del tuo bambino di due mesi, l'alimentazione e i cambi di pannolino nelle settimane da 9 a 12. Foto: iStockphoto Il tuo bambino ha due mesi interi - wow! Come procede quella situazione del sonno ? Potrebbe sembrare controintuitivo, ma potrebbe essere utile non pensare a quanto sonno sta dormendo il tuo bambino per un po '

Il dibattito: le città sono migliori per crescere i bambini rispetto al paese?

Il dibattito: le città sono migliori per crescere i bambini rispetto al paese?

Due genitori affrontano l'argomento del posto migliore per crescere i tuoi figli: la città o il paese. Foto: Geber86 / iStockphoto "Sì, le città sono migliori per crescere i bambini" Lori Kittelberg, mamma di uno Una volta, io e mio marito eravamo DINK spensierati (doppio reddito, niente figli). C

Libri per bambini che adoriamo 2014

Libri per bambini che adoriamo 2014

Ogni mese scopriamo i nostri libri per bambini preferiti di recente pubblicazione. Torna regolarmente per vedere cosa stiamo aggiungendo alla nostra libreria. 25 visualizzare le foto dello slideshow