• Thursday December 5,2019

Perdere mia mamma subito dopo esserne diventato uno

In frantumi dopo la morte di mia madre, mi sono preoccupato di come la sua perdita avrebbe influenzato mio figlio e la mia capacità di genitore.

Foto: iStockphoto

La gente chiamava mia madre The Baby Whisperer. Se c'era un bambino nella stanza, si poteva praticamente garantire che lo tenesse in braccio. Nulla ha portato la sua gioia come la notizia di un neonato, e ha regolarmente chiamato la famiglia e gli amici per segnalare le ultime nascite locali, insieme a nomi e pesi. Ha fatto acquisti eccessivi per vestiti per bambini e aveva un arsenale completo di regali pronti per le docce per bambini . Io e le mie due sorelle abbiamo spesso sentito lamenti per il fatto che tutte le sue amiche avevano diversi nipoti, mentre lei ne aveva solo una. Quindi quando l'ho chiamata con la mia notizia che ero incinta, era estatica.

Mia madre viveva a due province di distanza a Steinbach, Manitoba, e quando ero a metà del mio secondo trimestre, i pacchi con le carte e gli abiti per neonati iniziarono ad arrivare regolarmente per posta a casa mia a Calgary. Sacchetti di regali e forniture per bambini sono stati consegnati durante le visite. Le chiamate quotidiane su come mi sentivo sono diventate la norma. Quando nacque mio figlio Santiago, ricordo ancora di aver ascoltato la segreteria telefonica di mia madre in ospedale. "Grazie per avermi reso la nonna più orgogliosa del mondo", soffocò, la sua voce densa di emozione.

Ogni genitore può relazionarsi con la nebbia dei primi mesi con un bambino. Per me, la nebbia sembrava durare più a lungo di quanto non fosse per la maggior parte. Sei mesi dopo, mi sentivo ancora disfatto. Mio figlio ha avuto una grave colica . Quando non stava allattando o non stava camminando nel suo passeggino, stava piangendo. Dormì accanto a me e si svegliò abbastanza spesso da assicurarsi che non dormissi mai più di due ore consecutive . Mia mamma è volata fuori per le visite quando ha potuto e ha chiamato ogni giorno. Mentre vagavo per la città barcollando con il passeggino, scendendo doppi colpi di caffè espresso, quelle telefonate sono diventate qualcosa su cui dipendevo, anche se, a causa della fatica, non me ne sono nemmeno reso conto. Sapeva esattamente quanto pesava mio figlio, che taglia indossava, quando doveva sottoporsi a un controllo o una vaccinazione e quali traguardi di sviluppo stava per raggiungere. Pur non essendo sempre una presenza fisica, era lì per me. Immagino di aver pensato che lo sarebbe sempre stata.

foto di un disegno realizzato per la zia malata di un bambino
Come i miei figli mi hanno insegnato ad affrontare la morte, ricordo ancora il giorno dolorosamente. Santiago aveva nove mesi e la sua colica si era finalmente placata. Stavamo facendo un picnic con gli amici e il loro bambino quando ho ricevuto una telefonata da mia sorella che mi diceva che mia madre non si sentiva bene e mio padre la stava portando in ospedale. Ero preoccupato, ovviamente, ma dato i suoi sintomi simil-influenzali, non temevo il peggio. Avevo appena parlato con lei il giorno prima ed era frizzante come al solito, facendomi sbirciare con domande sulla bambina e implorandomi di inviare altre foto per il suo libro di vanto. Ma le cose sono diminuite rapidamente. Mia madre aveva la sepsi e quando fu elicitata in un ospedale in una città più grande, le mie sorelle hanno dato la notizia scioccante che non si aspettavano che vivesse. Mentre mio marito organizzava voli, io camminavo per la stanza. Ho urlato e pianto, e anche Santiago ha pianto. I dottori hanno tenuto mia madre in supporto vitale fino al nostro arrivo. Siamo andati direttamente dall'aeroporto all'ospedale, dove abbiamo lasciato nostro figlio con mia zia e siamo andati in terapia intensiva per salutare mia madre.

I giorni immediatamente successivi alla sua morte sembravano confusi. Passerei dal sentire intorpidimento completo al dolore estremo. Ogni volta che scoppiavo in lacrime, Santiago seguiva l'esempio e mio marito o un membro della famiglia lo portavano in un'altra stanza per distrarlo. Si aggrappò a me e io temevo che la mia tristezza lo stesse colpendo. Ho trovato difficile prendermi cura di lui quando riuscivo a malapena a funzionare da solo. In uno di quei giorni, un pacco arrivò per posta a mia madre: era quello che avevo spedito contenente le tanto richieste immagini del libro. Qualcosa a riguardo ha colpito duramente e mi sono completamente rotto. Forse ho capito che non solo se n'era andata mia madre, ma anche la nonna di Santiago.

Pensavo che quelle prime orribili settimane sarebbero state le peggiori, ma dopo essere tornato a Calgary mi sono reso conto di aver iniziato a sentire solo la perdita. Sono finite le telefonate quotidiane. Mi mancavano tutte le domande sui minimi dettagli dei nostri giorni e sui progressi che il mio bambino aveva fatto. Ho dovuto prendere appunti sul suo peso. Quando mi sono ritrovato in lacrime dopo aver lasciato Santiago per il suo primo giorno all'asilo, il mio primo istinto era quello di chiamare mia madre. Mi sentivo solo, orfano. Con l'avvento della realtà, mi sono reso conto che da quando i miei suoceri vivevano in un altro continente, Santiago sarebbe cresciuta senza regolare accesso a una nonna.

Al primo compleanno di Santiago, l'assenza di mia madre era palpabile. Aveva programmato il suo viaggio e i suoi doni con sei mesi di anticipo. Al suo primo concerto di Natale, ho gelosamente guardato tutti i nonni. Sono triste per le cose che Santiago non saprà mai che gli manca. Non potrà mai cuocere il suo famoso pane con lei e lei non potrà mai insegnargli a suonare il piano. Non parteciperà ai suoi recital, giochi sportivi o diplomi.

È passato quasi un anno da quando mia madre è morta. Mi manca ancora ogni giorno. Mi strappo ogni volta che vedo un bambino con una mamma e una nonna al parco o che cammina per strada. Mentre so che non posso mai sostituirla, ho contattato gli altri per riempire il vuoto. Partecipare a un programma di terapia di gruppo per le persone che hanno perso un genitore è stato immensamente utile. Le mie sorelle sono intervenute con chiamate e messaggi regolari su come sta andando Santiago. Potrebbero non tenere traccia dei suoi progressi con il fervore militante che mia madre ha fatto, ma a loro importa e chiedono. Mandano o consegnano pacchi per lui in vacanza o semplicemente perché, come una volta.

Per quanto riguarda mio figlio, è diventato un bambino gioioso. Oggi i suoi scoppi di lacrime sono più probabilmente legati al non ottenere un cono gelato che al dolore. Mentre supera gli ultimi vestiti che sua nonna gli ha comprato, continuo a cercare modi per tenerla nella sua vita. Parlo di lei, canto le canzoni che cantava con me e gli mostro le sue foto. Potrei non essere un sussurro di bambini, ma mostrare a mio figlio l'amore è ciò che conta di più per me, ed è l'eredità di mia madre.


Articoli Interessanti

Scusate ragazzi, non sarò mai QUELLA mamma

Scusate ragazzi, non sarò mai QUELLA mamma

La mamma di Pinterest. La mamma PTA. La mamma che lascia gli appunti nella scatola del pranzo e compra sempre prodotti biologici. Scusate ragazzi, non sono solo io. Foto: iStockphoto Dopo 11 anni di genitorialità, mi sono rassegnato al fatto che ci sono alcuni tipi di mamme che non sarò mai. Per quanto mi possa piacere essere quella mamma, non ce l'ho.

Prodigi infantili: 8 sensazioni su YouTube

Prodigi infantili: 8 sensazioni su YouTube

Ecco alcuni dei nostri bambini preferiti che si muovono su YouTube proprio ora. I bambini hanno talento Qui ti presentiamo otto giovani che non sono solo le mele degli occhi dei loro genitori, ma stanno anche battendo i record del mondo, firmando accordi discografici e guadagnando milioni di fan su YouTube

10 verità sulla genitorialità di un bambino con bisogni speciali

10 verità sulla genitorialità di un bambino con bisogni speciali

Notti insonni, polizze assicurative, riprogrammazione: ecco 10 verità su genitori con bisogni speciali. Syona di quattro anni con suo padre. Foto: Anchel Krishna Quando a mia figlia Syona fu diagnosticata una paralisi cerebrale tre anni fa, io e mio marito Dilip sapevamo che dovevamo ridefinire la nostra visione del futuro.

Sonno del bambino da due a tre mesi e programma di alimentazione

Sonno del bambino da due a tre mesi e programma di alimentazione

Ecco cosa aspettarsi per il programma del sonno del tuo bambino di due mesi, l'alimentazione e i cambi di pannolino nelle settimane da 9 a 12. Foto: iStockphoto Il tuo bambino ha due mesi interi - wow! Come procede quella situazione del sonno ? Potrebbe sembrare controintuitivo, ma potrebbe essere utile non pensare a quanto sonno sta dormendo il tuo bambino per un po '

Il dibattito: le città sono migliori per crescere i bambini rispetto al paese?

Il dibattito: le città sono migliori per crescere i bambini rispetto al paese?

Due genitori affrontano l'argomento del posto migliore per crescere i tuoi figli: la città o il paese. Foto: Geber86 / iStockphoto "Sì, le città sono migliori per crescere i bambini" Lori Kittelberg, mamma di uno Una volta, io e mio marito eravamo DINK spensierati (doppio reddito, niente figli). C

Libri per bambini che adoriamo 2014

Libri per bambini che adoriamo 2014

Ogni mese scopriamo i nostri libri per bambini preferiti di recente pubblicazione. Torna regolarmente per vedere cosa stiamo aggiungendo alla nostra libreria. 25 visualizzare le foto dello slideshow