• Thursday December 12,2019

Corpo postpartum: Ashlee Wells Jackson ha trovato la bellezza nel dolore

Abbiamo collaborato con il fotografo Ashlee Wells Jackson del 4 ° Trimestre Bodies Project per celebrare la bellezza del corpo post-bambino. Questa è la sua storia

Ashlee Wells Jackson con la figlia Nova. Foto di Ashlee Wells Jackson, 4 ° trimestre Bodies Project, 4thtrimesterbodies.com

Bellezza, forza e gioia si irradiano dalle splendide fotografie in bianco e nero che Ashlee Wells Jackson crea per il suo 4 ° Trimestre Bodies Project, un documentario fotografico che celebra il corpo postpartum . Abbiamo parlato con la mamma di Xavier, Nova e Aurora, con sede a Chicago, del perché ha creato questo progetto innovativo e di come il suo viaggio verso i cambiamenti nel suo corpo postpartum l'abbia aiutata a trovare la pace sulla scia di una tragica gravidanza.

CS: Da dove è nata l'idea per il 4 ° Trimestre Bodies Project?

AWJ: Come donna, fotografa e artista, ero al corrente del dialogo che le donne hanno sui loro corpi, che troppo spesso era molto negativo. Sono sempre stato molto infastidito da ciò che i media hanno messo lì fuori e da ciò che provavano queste donne. Ma non era qualcosa con cui mi identificavo personalmente: sono sempre stato molto positivo per il corpo.

Ho un figlio di nove anni, e la sua gravidanza e il suo parto non sono andati come previsto (è nato prematuramente a 28 settimane), ma in seguito mi sono sentito molto potenziato ed è stato in grado di avere una fantastica relazione con lui durante l'allattamento a lungo. E mi sentivo un po 'come una centrale elettrica: essere una madre era grandioso.

Ciò è cambiato per me circa tre anni fa durante la mia gravidanza con le mie figlie. Mi stavo preparando per sposarmi con il mio attuale marito e abbiamo appreso che eravamo incinta. E le cose andarono benissimo fino a quando non lo furono. Siamo tornati a casa dalla nostra luna di miele e abbiamo appreso che le nostre figlie stavano morendo (a causa della sindrome trasfusionale da gemello a gemello). Mia figlia Aurora ha perso la vita e alla fine ho avuto un duro lavoro inarrestabile a sole 24 settimane a causa di un intervento chirurgico che avevo dovuto cercare di salvare le mie ragazze.

Tutto il mio dialogo è cambiato. Come madre, è il tuo compito di mantenere in vita i tuoi figli - è la regola numero uno, tenerli in vita. E ho fallito. Non ero stato in grado di portare a termine nessuno dei miei figli e non ero in grado di partorire come pensavo che il mio corpo sapesse come. Inoltre, il mio cesareo è stato infettato e ha dovuto essere riaperto e guarito, il che è orribile. Mi sentivo rotto e rovinato e non riconoscevo più chi fossi, fisicamente, mentalmente ed emotivamente.

Un giorno, sotto la doccia, piangevo, ed è quello che ho fatto; quella fu l'unica volta che dovetti trascorrere da solo tra casa e ospedale: mi resi conto di non aver guardato in basso. Avevo sviluppato questa capacità di ignorare il mio corpo dal seno alle ginocchia e mi colpiva come una tonnellata di mattoni che ero queste donne, ero tutte le donne di cui stavo parlando. Mi stavo raccontando lo stesso dialogo con cui li avevo interrogati ripetendo. Stavo rispettando tutti gli standard dei media su come dovrebbero apparire i corpi: cosa ti rende tutto e cosa ti rende degno. E quello è il giorno in cui ho detto: "Lo cambierò".

CS: Come è cambiato fisicamente il tuo corpo dopo aver avuto i tuoi figli?

AWJ: Dopo la mia prima gravidanza, il mio corpo non era poi così diverso. Con la mia seconda gravidanza, tuttavia, le cose sono cambiate drasticamente. I miei gemelli avevano una sindrome trasfusionale da gemello a gemello e da ciò deriva un eccessivo liquido amniotico. Ho guadagnato circa 80 chili, la maggior parte dei quali era peso dell'acqua, e dovendo sottoporsi a un intervento chirurgico per salvarli e poi un parto cesareo di emergenza e un orribile processo di guarigione, ho alcune cicatrici piuttosto significative che sono molto importanti. E attraverso il dolore e il domperidone, che hanno salvato la mia relazione di allattamento con mia figlia sopravvissuta, ma hanno anche un effetto collaterale dell'aumento di peso, il mio corpo ha recuperato tutto il peso che ho guadagnato durante la mia gravidanza.

Quindi ci sono state molte fluttuazioni e cambiamenti, ed è stato un viaggio molto interessante di apprendimento verso - non direi di accettare il mio corpo, perché sono sempre stato molto positivo per il corpo e per me non importa cosa sembra; è mio, è l'unico con cui riesco a passeggiare, quindi lo adorerò, ma riconoscermi nelle immagini, allo specchio, come me stesso, è stato qualcosa di nuovo a cui abituarmi.

CS: Cosa provavi per il tuo corpo dopo averlo vissuto?

AWJ: Mi sono sentito rotto. Mi sono arrabbiato con il mio corpo. Mi sentivo come se il mio corpo mi avesse deluso. L'ho odiato. Non dico spesso quella parola, ma odiavo il mio corpo per quello che aveva fatto e per quello che non era stato in grado di fare, perché credevo che potesse farlo. Pensavo fosse abbastanza forte, pensavo conoscesse le corde, l'aveva già fatto una volta.

È stato molto, molto difficile per molto, molto tempo. Ma molto di ciò aveva a che fare con la colpa e la colpa che dovevo mettere da qualche parte, e il mio corpo sembrava il capro espiatorio più semplice per quello. Sono cresciuto per capire che il mio corpo in realtà ogni passo ha fatto esattamente quello che doveva fare per darci il miglior risultato possibile.

CS: Come ti senti oggi nel tuo corpo?

AWJ: Mi sento a mio agio. Non dirò che ogni giorno è facile. Ci sono ancora giorni in cui vedo una foto e mi guardo allo specchio e devo ridere un po 'perché, questa è la nuova Ashlee, questa non è la Ashlee che ho portato in giro per trent'anni. Ma mi sento a mio agio.

La cicatrice è un promemoria di ciò che abbiamo passato. Ho parecchi tatuaggi e mio padre hippie non li ha mai apprezzati. Amava le cicatrici e ci diceva sempre che non avevamo bisogno di tatuaggi perché avevamo cicatrici che raccontavano le nostre storie per noi in modi più belli di quanto mai le macchie di inchiostro potessero mai ... e che mi hanno davvero attaccato.

Adesso ho un po 'di squish extra. Sono morbido ed è interessante il fatto che in questa fase della maternità in cui mi trovo, apprezzo la morbidezza. I miei figli che hanno un posto morbido dove posare la testa e braccia forti ma accoglienti per tenerli, sono qualcosa che ho davvero imparato ad apprezzare.


Articoli Interessanti

10 foto che celebrano e onorano i corpi post-baby 'imperfetti'

10 foto che celebrano e onorano i corpi post-baby 'imperfetti'

Questi corpi hanno dato vita e non c'è niente di cui vergognarsi. Foto: per gentile concessione di @SHE_PLUSFIVE La positività corporea non è naturale per molte donne. Sia che sia a causa delle immagini che abbiamo a lungo alimentato attraverso la pubblicità e i social media, sia che i riagganci personali portati avanti dall'infanzia e dalla pubertà, guardare con fiducia nell'obiettivo della fotocamera può essere terrificante, specialmente dopo la gravidanza . Ma q

Cosa fare se il bambino si addormenta durante l'allattamento

Cosa fare se il bambino si addormenta durante l'allattamento

Se il tuo bambino si addormenta durante l'allattamento, potresti essere preoccupato se sta assumendo abbastanza latte. Ecco cosa è normale e quando dovresti preoccuparti. Foto: iStockPhoto Sei rannicchiato su una sedia comoda e il tuo bambino sta felicemente allattando. La sua suzione rallenta e il suo corpo si rilassa contro il tuo mentre si addormenta, il tuo capezzolo ancora in bocca.

Bambini che ballano: i nostri video preferiti su YouTube!

Bambini che ballano: i nostri video preferiti su YouTube!

Questi piccoli ballerini sono adorabili, talentuosi e, a volte, esilaranti ... non c'è da meravigliarsi che abbiano ricevuto così tanta attenzione online! Tutti questi bambini adorano ballare. Alcuni hanno iniziato in televisione, mentre altri lo hanno fatto comodamente da casa propria, ma tutti si sono trovati immediatamente a provare sensazioni su Internet.

Trascorri un giorno con i tuoi figli?

Trascorri un giorno con i tuoi figli?

Tracy Chappell ha un nuovo apprezzamento per aver trascorso la qualità uno contro uno con le sue figlie. Anna e Avery. Foto: Tracy Chappell Segui il redattore senior di Oggi Parent , Tracy Chappell, che condivide la sua interpretazione piacevolmente positiva nell'essere genitori delle sue due giovani figlie.

Com'è incoraggiare 115 bambini

Com'è incoraggiare 115 bambini

Quando andai in pensione, aprii la mia casa - e il mio cuore - per aiutare i bambini in affidamento. Ho pensato di provarlo per qualche anno: cinque, al massimo. Ma ci sono ancora, 115 bambini dopo. Foto: Stocksy Ventitre anni fa, mia figlia aveva appena compiuto 19 anni e sono stato colpito da un brutto caso di sindrome del nido vuoto

Le storie di Robert Munsch 14 volte erano le più ridicole

Le storie di Robert Munsch 14 volte erano le più ridicole

La base dell'autore per bambini è totalmente strana, ma per divertimento, abbiamo pensato di catalogare gli esempi più lontani del genio fantastico di Robert Munsch. Foto: Getty Images Autore di bambini prolifici e canadese onorario , Robert Munsch è un narratore gioioso i cui personaggi sono coraggiosi, esilaranti e totalmente bizzarri. I