• Saturday April 4,2020

Perché non nascondo mai il mio periodo ai miei due giovani figli

No, non sperimenteranno mai le mestruazioni. Ma sto ancora raccontando loro tutto. Ecco perché.

Foto: Paul Corupe

Mi sono sempre considerato una femminista, ma avere figli ha rafforzato la mia convinzione in pari diritti per tutti in modi che non mi aspettavo. Ha anche aumentato il mio livello di comfort con il mio corpo .

Ho allattato i miei due ragazzi e li ho nutriti ogni volta che avevano fame, ovunque fossimo. E quando il mio periodo è tornato subito dopo il mio primogenito compì due anni, con l'opportunità di insegnare a nostro figlio maggiore Leo che le mestruazioni sono un processo naturale di cui nessuno dovrebbe vergognarsi. Dopotutto, lo stiamo facendo diventare una femminista. Quindi, insieme a insegnargli il consenso, ho deciso di non nascondere il fatto che ogni mese ricevo il mio ciclo. Ad essere onesti, è difficile mantenere qualcosa di simile nascosto ai bambini. Ti seguono ovunque.

Leo ora ha sette anni e suo fratello Jasper ne ha tre. Quando mi visitano in bagno, a volte mi vedono pulire e notano il sangue. Le loro reazioni variano. A volte non dicono nulla e continuano a parlare di Pokémon o Acchiappafantasmi (l'ultima cosa di Jasper). Ma altre volte, riceverò un "Ew!" O Jasper dirà, "Mamma, stai sanguinando!" Accompagnato da uno sguardo perplesso che sembra dire: "Che diamine sta succedendo ?!" Quando succede, Mi prendo il tempo per parlare ancora con loro del perché sta accadendo e ribadisco che è un normale processo corporeo. Non ne faccio un grosso problema. Potrei dire qualcosa del tipo: “Questo è ciò che accade quando hai un utero e non hai un bambino. Ogni mese, il tuo corpo aggiunge una fodera per renderlo un posto più morbido dove il bambino può uscire, ma se non c'è bambino, quella parte extra-morbida non ha bisogno di essere lì, e quella fodera è il sangue che vedi. "(Grazie, What Makees a Baby, per aver contribuito a insegnare ai bambini come crescono i bambini!) Cerco sempre anche di sottolineare ai bambini quanto è bello che i nostri corpi facciano questo! Finora, non hanno reagito troppo entusiasticamente a quell'idea. Vai a capire.

Faccio tutto questo per due motivi. In primo luogo, voglio che i miei figli sostengano le persone che hanno le mestruazioni, sia che si tratti di un possibile futuro partner, di un compagno di classe che ha una perdita a scuola, di ragazze indigene nel Saskatchewan settentrionale (per le quali la mancanza di fondi per acquistare prodotti mestruali può significare la mancanza della scuola), o me! Leo ha già avuto qualche esperienza con questo quando sono trapelato al centro commerciale qualche anno fa e abbiamo fatto un giro di shopping improvvisato per nuovi vestiti (vorrei avere la fiducia del poeta canadese Rupi Kaur nel mostrare apertamente una macchia di sangue mestruale ). In secondo luogo, sottolineando l'idea che non c'è niente che i nostri corpi facciano di cui dovremmo vergognarci, aiuterà anche i miei figli a sentirsi a proprio agio con il proprio corpo.

Quindi il mio motto è, quando si tratta di periodi, lasciarlo scorrere.


Articoli Interessanti

La bambina di Alyssa Milano: nome e foto del neonato

La bambina di Alyssa Milano: nome e foto del neonato

Alyssa Milano ha dato il benvenuto a una bambina all'inizio di questo mese. Dai un'occhiata al nome e guarda alcune delle sue dolci foto appena nate. Alyssa Milano, agosto 2014. Foto: Parisa / FameFlynet Nel caso in cui te lo fossi perso (in qualche modo, suppongo, tra il caos del ritorno a scuola e la gravidanza della Duchessa

RICHIAMO: inalatori Ventolin Diskus

RICHIAMO: inalatori Ventolin Diskus

Health Canada e GlaxoSmithKline Inc. ricordano volontariamente gli inalatori di Ventolin Diskus per non aver erogato una dose accurata di farmaci. FOTO: GLAXOSMITHKLINE INC. Health Canada e GlaxoSmithKline Inc. stanno richiamando volontariamente un sacco di inalatori di Ventolin Diskus dopo aver scoperto che potrebbero non erogare la dose prevista di farmaco e potrebbero provocare un attacco d'asma potenzialmente letale

Esercizio postpartum: allenamento con marsupio

Esercizio postpartum: allenamento con marsupio

{{{data.excerpt}}} {{{data.featuredImage.replace ("http: //", "https: //")}}} Accedi / Registrati impostazioni Disconnessione Rimanere incinta Cercando di concepire Infertilità Gravidanza Gravidanza per settimana Nomi del bambino Registro del bambino Docce per bambini Essere incinta Salute in gravidanza Dando vita Bambino Baby al mese Sviluppo del bambino Cibo per bambini Salute del bambino Sonno del bambino L'allattamento al seno Colica Assistenza ai neonati Cure postpartum Dentizione Famiglia bambini Bambino piccolo attività Feste di compleanno Libri mestieri Disciplin

Quando mio figlio dovrebbe passare ai pannolini pull-up?

Quando mio figlio dovrebbe passare ai pannolini pull-up?

I pannolini pull-up possono aiutare con il vasino e l'allenamento notturno, ma sapere quando iniziare e smettere di usarli è la chiave. Foto: iStockPhoto Come la maggior parte delle cose nella genitorialità, quando si tratta di un allenamento banale e notturno, non esiste un approccio unico per tutti che è garantito per funzionare per ogni bambino. L

Mi dispiace, James Harrison, ma non c'è niente di sbagliato nei trofei di partecipazione

Mi dispiace, James Harrison, ma non c'è niente di sbagliato nei trofei di partecipazione

"Mi rendo conto che potrei essere in minoranza qui, ma a chi importa se i bambini ottengono trofei di partecipazione o no?" Il linebacker di Pittsburgh Steelers James Harrison ha fatto notizia questa settimana dopo che il suo post su Instagram il 15 agosto è diventato virale. La star della NFL, la cui carriera dura 12 stagioni e due vittorie nel Super Bowl, ha rivelato che restituirà i recenti trofei di partecipazione dei suoi figli perché vuole che "guadagnino un vero trofeo". I

Come l'autismo di mio figlio mi ha insegnato a dire di no

Come l'autismo di mio figlio mi ha insegnato a dire di no

Pensavo di dover fare tutto fino a quando la diagnosi di mio figlio mi ha dato un controllo di realtà tanto necessario Foto: iStock Photo "Devi imparare a dire di no", disse il mio collega dandomi una pacca sul braccio. Le avevo appena dato le lunghe scuse per aver rifiutato il suo invito a un pranzo di lavoro, perché, come ho spiegato, sentivo di avere troppo nel mio piatto come un piccolo imprenditore e genitore di due giovani figli .